Politica ed economia

Le sfide dell'Europa davanti alla migrazione

La crescente instabilità nel vicinato meridionale dell’UE ha fatto aumentare il numero di persone che cercano di raggiungere l’Unione europea. L’UE e i suoi Stati membri stanno intensificando gli sforzi per definire una politica migratoria europea efficace, umanitaria e sicura.
La nostra società celebra le differenze, il pluralismo, l’identità politica.
Anzi, li ritiene caratteristiche emblematiche di una democrazia progressista e moderna. Tuttavia negli ultimi anni si è diffusa una certa diffidenza verso il multiculturalismo, la cui caratteristica più evidente è il peso che viene dato appunto alla cultura, all’etnia o alla religione rispetto ad altre coordinate, come la classe sociale o la generazione, che in passato avevano ben altro peso.
Settant’anni anni di politiche multiculturaliste in Europa hanno creato società frammentate, minoranze non trattate come cittadini ma come membri di particolari gruppi etnici che, ad intervalli regolari, esplodono in rivolte violente.
Dall’altro lato i detrattori del multiculturalismo espongono fallacemente, anche in chiave storica, le loro derive razziste malcelate dietro assurde pretese di distruzione della “nostra” cultura, della “nostra” storia, della “nostra” tradizione.
L’analisi delle generazioni di immigrati che si sono succedute dal dopoguerra a oggi non lascia spazio a ipotesi di inevitabilità dei conflitti attuali.
Non c’è uno scontro di culture, bensì una mala gestione del fenomeno migratorio che ha trasformato la convivenza in una polveriera.
Il tutto va ad intersecarsi con la difficile costruzione di quella che doveva essere la “cittadinanza europea”, naturale successore degli stati-nazione morenti e alveo di costruzione dell’identità multi-livello, ferita a morte da una crisi economica-migratoria senza precedenti.

Ho perso l’europeismo

Ho 38 anni e sono sempre stato un convinto “europeista”. Avevo 18 anni quando è entrato in vigore l’Euro, ne

Iowa, storia di un disastro

La corsa alle primarie presidenziali democratiche è iniziata lo scorso 3 febbraio e non poteva andare peggio: incertezza, disastri tecnologici

Del perchè diffidare delle sardine

Credo nell’accoglienza, nella comunità, nel professare attivamente i propri valori. Credo nella complessità come lente per guardare i fatti del

Cile, culla e tomba del neoliberismo

La marcha màs grande Il 25 ottobre, a Santiago del Cile, sono scese in piazza qualcosa come 1.280.000 persone. Le

Il Finanziamento Pubblico ai Partiti serve per la Democrazia

L’attività politica ha un costo: alto. E parlo solo del costo economico, tralasciando le ricadute che può avere sui propri

È ora di affossare la mentalità politica del ‘chi vince prende tutto’

La via del consenso offre una scappatoia al caos della Brexit. Sappiamo che puó funzionare: abbiamo provato. Hannah Rollins –

Perché il referendum della Lega non ci darà il sistema inglese

I referendum abrogativi sono per loro natura molto poco chiari alla prima lettura. Devo infatti elencare tutte le modifiche che

Classi sociali nelle elezioni 2018 e 2019: un’analisi bayesiana del voto

Come hanno votato le classi sociali? Una volta, la divisione tra chi ha molto e chi ha poco era alla