Oltre frontiera

Le sfide dell'Europa davanti alla migrazione

La crescente instabilità nel vicinato meridionale dell’UE ha fatto aumentare il numero di persone che cercano di raggiungere l’Unione europea. L’UE e i suoi Stati membri stanno intensificando gli sforzi per definire una politica migratoria europea efficace, umanitaria e sicura.
La nostra società celebra le differenze, il pluralismo, l’identità politica.
Anzi, li ritiene caratteristiche emblematiche di una democrazia progressista e moderna. Tuttavia negli ultimi anni si è diffusa una certa diffidenza verso il multiculturalismo, la cui caratteristica più evidente è il peso che viene dato appunto alla cultura, all’etnia o alla religione rispetto ad altre coordinate, come la classe sociale o la generazione, che in passato avevano ben altro peso.
Settant’anni anni di politiche multiculturaliste in Europa hanno creato società frammentate, minoranze non trattate come cittadini ma come membri di particolari gruppi etnici che, ad intervalli regolari, esplodono in rivolte violente.
Dall’altro lato i detrattori del multiculturalismo espongono fallacemente, anche in chiave storica, le loro derive razziste malcelate dietro assurde pretese di distruzione della “nostra” cultura, della “nostra” storia, della “nostra” tradizione.
L’analisi delle generazioni di immigrati che si sono succedute dal dopoguerra a oggi non lascia spazio a ipotesi di inevitabilità dei conflitti attuali.
Non c’è uno scontro di culture, bensì una mala gestione del fenomeno migratorio che ha trasformato la convivenza in una polveriera.
Il tutto va ad intersecarsi con la difficile costruzione di quella che doveva essere la “cittadinanza europea”, naturale successore degli stati-nazione morenti e alveo di costruzione dell’identità multi-livello, ferita a morte da una crisi economica-migratoria senza precedenti.

Razzismo e violenza | Dialogo con Marta Mosca

Oggi affrontiamo un discorso difficile (ormai dovreste essere abituati!); parliamo di razzismo e dei pericoli della violenza che ne deriva.

Finanza rapace e disastri ambientali: le colpe di Unicredit

Lo scorso giovedì 11 aprile una ventina di persone si sono radunate in piazza degli Affari a Milano, davanti a

Barra a destra #euro2019

Se il 2017 era sembrato l’anno della frenata per la destra nazionalista, intimorita dal rampollo dell’establishment neoliberale, il 2018 è

Elezioni di metà mandato: cosa resta?

A urne chiuse ormai da un giorno si possono fare le prime considerazioni sulle elezioni. Il voto è polarizzato Si

Il Brasile di Bolsonaro

Guilherme Ferraz de Arruda ha tracciato un quadro di come il Brasile è giunto a queste elezioni. Abbiamo deciso di tradurre e di rieditare il suo scritto, aggiungendo un breve addendum finale post voto

A short comment about Brazil

First of all, as a matter of fairness, I have to say that I do not believe in impartiality. Everyone

La Danimarca si è rotta le scatole del marcio e di Fox News

Fox News ha provato a dipingere un quadro molto poco edificante della Danimarca, probabilmente sperando che non avessero Internet laggiù.

Il cellulare dell’immigrato

Se siete davvero convinti che i migranti siano ricchi perché hanno il cellulare, o che i giovani d’oggi stanno troppo attaccati al loro smartphone è bene che sappiate: siete destinati all’estinzione senza aver capito un’acca di cosa stava succedendo intorno a voi.