Tempo di lettura: 14 minuti

INCIPIT

Per andare dritti al punto del mio articolo potrei citare Rosa Luxemburg: “For a world where we are socially equal, humanly different and totally free”. Per quanto questa sia l’essenza di come percepisco la politica credo fortemente che ognuno di noi debba fare del proprio meglio per capire il momento storico, ed essere pragmatici.
In secondo luogo è fondamentale comprendere il pubblico di riferimento, in questo caso l’Italia, tenendo come messaggio principale il risorgere del fascismo in tutto il mondo, qui però relativo all’esperienza Brasiliana.
L’avanzata del sentimento fascista è un fenomeno che ho personalmente trascurato in passato.
Ora me ne pento e, soprattutto, riconosco il mio errore. Il fascismo è in aumento da un po ‘di tempo e spetta alla nostra generazione combatterlo di nuovo. Abbiamo il vantaggio della conoscenza storica e dello svantaggio che una parte ragionevole della nostra società nega questa realtà. Abbiamo una sfida diversa rispetto ai passati movimenti antifascisti, ma la minaccia è reale. Osservo qui che ho usato il termine antifascista di proposito, riconoscendo che, oltre ai comunisti e agli anarchici, c’era anche una frazione di persone che aveva altre ideologie che erano anche contro i fascisti. Nell’attuale contesto brasiliano, questo potrebbe essere un elemento chiave nel nostro prossimo futuro.

BOLSONARO

você. ele.

Devo anche precisare che uso il termine fascista per indicare una parte dello spettro del politico brasiliano in cui è incluso Jair Bolsonaro. Per alcuni dei suoi sostenitori, questo non è accurato. Semplicemente non sono d’accordo. Credo che la sua visione autoritaria consenta di farlo.

Per non essere d’accordo, lo cito: “Vamos varrer do mapa os bandidos vermelhos do Brasil” (spazziamo via i banditi rossi dal Brasile) e “Ou vão para fora ou vão para a cadeia” (o usciranno il paese di loro andranno in prigione)1, insieme a molte altre citazioni, che a mio parere sono sufficienti per classificarlo con questo termine. Oltre a quello è apertamente a favore della tortura e dei torturatori nella dittatura brasiliana, con uno speciale “affetto” per Brilhante Ustra, che fu uno dei torturatori più crudeli in questo periodo. Sto basando la mia argomentazione principale sulla decisione della corte brasiliana TRE-RJ (tribunale regionale elettorale di Rio de Janeiro), che ha deciso che la bandiera con il detto “Direito UFF Antifascista”. (UFF sta per Universidade federal Fluminense – Federal University of la città di Rio de Janeiro – e motto degli antifascisti della facoltà di legge dell’UFF ) è una forma di propaganda illegale contro Bolsonaro 2. Ergo la deduzione logica mi permette di catalogare Bolsonaro come fascista. Infine, per fornire un punto di vista esterno, Roger Waters, l’ex membro dei Pink Floyd, in una recente serie di concerti in Brasile, ha avversato la candidatura di Bolsonaro 3. Nel suo ultimo concerto, sabato 28 ottobre, ha mostrato il seguente messaggio: “Ci hanno detto che non possiamo parlare delle elezioni dopo le 10. Abbiamo 30 secondi. Questa è la nostra ultima possibilità di resistere al fascismo prima di domenica. Non lui!”. O ancora potrei citare anche Jason Stanley, autore del recente libro “How Fascism Works”, che ha esplicitamente classificato Bolsonaro nel suo video su Democracy now 4.

Ciò detto, intendo esporre un paio di importanti fatti storici sulla storia del Brasile che potrebbero essere interessanti da mettere in relazione con il nostro presente. Poi passerò al nostro recente passato, più precisamente dal 2003 al 2016, che è stato il periodo del Partito dei lavoratori (PT, Partido dos trabalhadores), con Lula e Dilma. Poi, parlerò dei principali movimenti che si sono verificati in Brasile nel 2013 e 2014, che ritengo siano stati i primi segnali di movimenti di destra e fascisti in Brasile. Questi movimenti hanno creato lo scenario ideale per Bolsonaro, che è stato in grado di catturare l’attenzione e capitalizzare i sentimenti di una parte ragionevole della nostra società. Questo è, fino a un certo punto, una frazione della popolazione, delle classi medie e superiori, che si sentiva non rappresentata durante il governo del PT.

A HISTÓRIA

Escravidão no Brasil, Jean-Baptiste Debret

Il Brasile è un paese molto particolare, ha una storia unica. Molto spesso gli europei trascurano questo quando analizzano la nostra attuale situazione politica.
Non è banale. Né i brasiliani si rendono conto di quanto siano grandi i nostri percorsi storici. Molti sostengono che, in molti contesti, la nostra storia è così unica che altri paesi non potrebbero essere utilizzati come esempio. Qui vorrei commentare un paio (tra molti altri) eventi che, a mio parere, sono la chiave per capire la nostra società.
Per cominciare, la prima università in Brasile fu costruita nel 18085, 308 anni dopo la “scoperta” del Brasile. Nota che la prima università in Italia fu costruita nel 1088 6, 720 anni prima di quella in Brasile, che è più antica il paese stesso. Per quanto riguarda l’età, non è giusto paragonare un’università americana con un’università europea, ma il confronto importante qui riguarda i paesi ispanici, che sono stati “scoperti” nello stesso secolo. Ad esempio, il Perù e il Messico hanno la loro prima università nel 1552 7. Prima del diciannovesimo secolo, l’America latina aveva 28 università.
Un altro fattore chiave nella nostra storia riguarda la schiavitù. Citando semplicemente Wikipedia 8: “Il Brasile è stato l’ultimo paese del mondo occidentale ad abolire la schiavitù. Quando fu abolita, nel 1888, si stima che quattro milioni di schiavi fossero stati importati dall’Africa al Brasile, il 40% del numero totale di schiavi portati nelle Americhe. Per riferimento, gli Stati Uniti hanno ricevuto il 10%. Nonostante sia stato abolita, ci sono ancora persone che lavorano in condizioni di schiavitù in Brasile nel XXI secolo “. Questo non spiega i nostri problemi attuali, ma è certamente un aspetto loro correlato. Inoltre, questi fatti ci danno una prospettiva diversa nell’analisi della società brasiliana.

Saltiamo drasticamente ai giorni nostri, ma prima, come non poteva essere diverso, dal momento che uno dei candidati presidenziali, Jair Bolsonaro, loda il nostro periodo di dittatura, devo fare un breve commento su questo periodo.
Sebbene alcuni brasiliani neghino la nostra dittatura, non è necessario presentare i dettagli di questo periodo.
È davvero ben documentato, non c’è molto da discutere. Era un periodo violento della nostra storia, era basato sulla tortura e la repressione per coloro che non credevano nel regime.
Il loro slogan era Brasil, ame-o ou deixe-o (“Brasile, lo adoro o lo lascia”).
Osservo che la nostra dittatura iniziò il 1 ° aprile del 1964 (uno “scherzo” – ma non così divertente – in effetti, in Brasile è il giorno degli sciocchi) e finì nel 1985  9 con una transizione relativamente agevole verso la democrazia. Relativamente nel senso che una transizione simile in altri paesi è stata più violenta.

PETISTI

Nel periodo dal 2003 al 2010, con il presidente Lula, il Brasile (PT, partito dei lavoratori di Partido dos trabalhadores) ha vissuto uno spostamento a sinistra. Aumento degli investimenti in programmi e infrastrutture sociali. Ha spostato la sua diplomazia in un orientamento leggermente più sud-sud rispetto ai precedenti governi. Il PIL brasiliano ha avuto una crescita sostanziale. Il suo periodo è stato seguito dalla presidente Dilma Rousseff (PT, Partito dei lavoratori di Partido dos trabalhadores), che ha ricoperto la presidenza dal 2011 al 2016 quando è stata incriminata. Senza concentrarsi sui dettagli di questo periodo, devo sottolineare che sia Lula che Dilma hanno focalizzato i loro progetti sulle classi di reddito più basso.

Come esempi chiave, potrei citare il “Bolsa Família”, che era il più grande programma di trasferimento di reddito nel mondo 10. Questo programma è stato cruciale per innalzare 39 milioni di persone dalla povertà estrema in Brasile. Ciò ha permesso al Brasile di lasciare la “mappa della fame” nel 2014 11. Inoltre, durante il periodo col PT in carica, sono state costruite 18 nuove università, 173 campi universitari e 360 istituti federali. Il numero di persone nelle università è passato da 3 milioni nel 2003 a 8 milioni nel 2016.12

Questi dati sono interessanti per sottolineare che la loro attenzione era drasticamente diversa dal precedente presidente, ma anche per mostrare che i loro investimenti non erano solo nelle classi di reddito più basso. È anche fondamentale osservare che molti cambiamenti strutturali nella politica brasiliana non sono stati fatti in questo periodo. Ad esempio, in Brasile oggi abbiamo 35 partiti politici registrati 13. La maggior parte di loro non ha una chiara ideologia o progetto politico. Le nostre leggi devono essere cambiate per adattarsi alla nostra società attuale. Questa è solo una delle molte riforme importanti di cui abbiamo bisogno e siamo stati trascurati. Tuttavia, riconoscere questo fallimento non esclude, in alcun modo, le conquiste sociali di PT, che sono indubbiamente notevoli.

LA VIA GIUDIZIARIA

A questo punto deve essere fatta un’osservazione importante riguardo “l’impeachment”. Nelle elezioni del 2014 sono stati presentati due progetti molto chiari: (i) il progetto di PT, disposto a mantenere gli investimenti sociali e (ii) un progetto neo-liberista, portato avanti dal PSDB. L’osservazione importante qui si basa sul fatto che Dilma è stata eletta con il primo progetto e dopo “l’impeachment” è stato implementato il secondo progetto. Questo “impeachment” è stato definito da molti un colpo di stato.
Per presentare una prospettiva diversa, ricordo che due giorni dopo l ‘”impeachment” il nuovo governo è riuscito a varare una legge che consente al governo di fare una “revisione del budget” (remanejo do orçamento in portoghese), il cosiddetto “pedaladas fiscais”, che era la ragione presunta per” l’impeachment “. 14
Inoltre, molti governatori e sindaci hanno fatto questo nello stesso periodo di Dilma, ma, ovviamente, lei è stata l’unica punita. Dopo l’impeachment di Dilma, molti programmi sociali, così come l’università e persino i servizi pubblici di base, sono minacciati. Nel 2016, il nuovo governo riesce ad approvare il cosiddetto “PEC do teto de gastos”, che è un emendamento costituzionale che limita gli investimenti pubblici per 20 anni 15. Si noti che lo stesso governo che ha approvato questo emendamento aveva in quel momento circa 2 anni di anticipo e non era stato eletto direttamente. Ancora più importante, durante le elezioni, i brasiliani hanno votato esattamente contro questo tipo di progetto.

Questo colpo di stato ha mostrato quanto sia polarizzata la nostra società. È vero che questa polarizzazione è andata aumentando negli ultimi anni. Poiché non è mia ambizione coprire tutto, mi concentrerò su tre eventi.
Il primo evento, nel 2013, è quello che è iniziato come protesta contro l’aumento dei biglietti di trasporto pubblico nella città di San Paolo e ha ottenuto un’inerzia inimmaginabile (all’epoca). A seguito di ciò che ha detto la giornalista Marina Amaral, quelle proteste sono state incorporate dalla destra e il loro significato è stato modificato. Ancora più importante, nel 2014, una marcia autoproclamata “Marcha da família com Deus e pela Liberdade” (marcia in famiglia con Dio per la libertà), ispirata a una marcia simile che si è svolta in Brasile un paio di settimane prima del colpo militare del 1964 16. A mio parere, questo è un evento chiave perché ha mostrato i primi segnali che la nostra società aveva una considerevole frazione di persone che difendevano effettivamente la dittatura ed era anche possibile vedere alcuni segni di fascismo.

Il secondo evento è l’elezione del 2014. Dopo 12 anni con PT, i partiti di destra erano particolarmente preoccupati per l’elezione. Per quanto riguarda la società, una parte considerevole della classe media si sentiva non rappresentata perché PT si concentrava sulle questioni sociali, quindi sulle classi di reddito inferiore. Questa classe media vide che quelle classi di reddito più basso si stavano emancipando, mentre loro non stavano salendo a una classe più alta con lo stesso tasso. Questa sensazione è reale per molti brasiliani. Tuttavia, la realtà è più complicata. Senza entrare nei dettagli, l’osservazione principale qui riguarda questa sensazione di non essere rappresentati nel governo e, allo stesso tempo, di vedere i loro privilegi minacciati da una società apparentemente più equa.

Infine, il terzo evento è l ‘”impeachment”. Come ho già detto, si può dire molto, ma vorrei soffermarmi su come la società ha reagito in questa situazione e su come i media hanno usato il loro potere per spingere al proprio ordine del giorno. In Brasile, di solito, i movimenti di destra e le proteste avvengono di domenica. Non sono frequenti ma sono accadute diverse volte nel nostro recente passato. I media hanno coperto la maggior parte di loro a livello nazionale, con segnalazioni per tutto il giorno, interrompendo i loro programmi e persino le partite di calcio. D’altra parte, quando i sostenitori di Dilma stavano protestando in difesa della democrazia, che era caratterizzata dalla difesa indiretta del governo, i media li menzionavano a malapena. Quando questi movimenti sono stati menzionati, non passano la stessa quantità di tempo o tentano di squalificare i loro argomenti.

Questi tre eventi sono strettamente correlati e creano la polarizzazione necessaria all’ascesa di qualcuno come Bolsonaro. Durante le proteste del 2013 avremmo già potuto cogliere le tracce delle idee fascistoidi che si stavano diffondendo. Ma in quel momento non c’era nessun leader, nessuno che potesse capitalizzare quel movimento. I partiti di destra usarono quest’inerzia nella campagna elettorale del 2014. Le elezioni di quell’anno si basarono sulla polarizzazione, soprattutto nel secondo turno. Comunque una parte considerevole della popolazione non si sentì rappresentata. Subito dopo l’annuncio dei risultati il partito che aveva perso le elezioni, PSDB, cominciò a cercare un modo per prendere il potere. Chiesero un’inchiesta sulle elezioni 17 e cominciarono a parlare di impeachment prima che Dilma cominciasse il suo secondo mandato. Recenetemente il presidente del PSDB ha riconosciuto che fu un errore per il suo partito comportarsi in quel modo. 18 Così, con la società polarizzata, si è creato l’ambiente perfetto per Bolsonaro. In questo scenario l’impeachment fu l’evento politico perfetto per spingere un politico d’opposizione (opposizione al PT, che era al potere in quel momento). Il maggiore problema per l’opposizione era la mancanza di un politico “forte”. In questa situazione Bolsonaro ha cominciato ad emergere. Era un membro del parlamento (câmara dos deputados) da 28 anni, che aveva promosso solo due progetti di legge nella sua carriera. 19 E anche se non aveva avuto molto successo come deputato, guadagno seguaci per le sue posizioni conservatrici, soprattutto tra i militanti di estrema destra con le sue dichiarazioni contro la sinistra 20, misogine 21 22 (sostiene che le donne debbano ricevere un salario minore), militariste e razziste.

Un altro fatto importante è l’operazione chiamata “Lava-jato” (autolavaggio). Qui non voglio passare molto tempo su questo argomento a causa di due ragioni. Primo, perché presumo che la maggior parte del mio lettore abbia già almeno una certa conoscenza al riguardo. In secondo luogo, poiché le indagini sembrano essere estremamente distorte contro il PT, con un forte pregiudizio politico, quindi non segue i principi di base di un sistema giudiziario. Al giorno d’oggi sarebbe inimmaginabile in un paese europeo. In effetti, questa operazione, in associazione con i media, è stata utilizzata molte volte durante i processi di “impeachment”, aumentando le proteste di destra. Non era insolito avere questo tipo di “ultime notizie” sulla corruzione in un venerdì che precedette una protesta di destra che era prevista in una domenica. Ovviamente, potrebbe essere una semplice coincidenza, sto semplicemente riportando un fatto.

Devo sottolineare che non sto discutendo della corruzione stessa: come ogni governo, credo che sia accaduto anche nel governo di PT. Tuttavia, il mio punto è che il modo in cui è stato portato avanti è ingiusto e mosso principalmente da ragioni politiche. L’imputato sembra essere ritenuto colpevole, e quindi deve provare la sua innocenza. Le prove non sembrano essere fondamentali. Sebbene questa operazione abbia avuto un ruolo importante durante l'”impeachment”, vorrei sottolineare il suo ruolo dopo di questo. Questa operazione è stata responsabile dell’arresto del presidente Lula con una “velocità” senza precedenti 23. Oltre a ciò, è stato accusato di corruzione, dove la presunta prova è un appartamento valutato in 2,2 milioni di reais (500.000 euro) 24. Una parte considerevole della popolazione riconosce che si tratta di un errore enorme. Il giudice non ha mai permesso a nessuno di entrare in questo appartamento. Tuttavia, un movimento sociale ha invaso l’appartamento sostenendo che “Se è suo di Lula, è nostro. Se non lo è, perché è stato arrestato? “25. In questa occupazione, hanno dimostrato che il presunto appartamento di lusso era in effetti molto semplice senza molti degli elementi descritti nel processo giudiziario. Quando discutiamo della corruzione in altri paesi, potrebbe essere illuminante portarlo a confronto, al fine di avere una migliore idea della scala. In questo modo, ricordo che Geddel Vieira Lima (PMDB) è stato catturato con 51 milioni di reais (12 milioni di euro) in contanti 26. È l’ex ministro di Temer, il presidente che è entrato in carica dopo Dilma.

Per carità, non sto giudicando nessuno, ma dopo aver visto i media attaccare Lula in tutti questi anni (tutta la sua carriera politica in effetti) e la presunta prova è un appartamento con 2,2 milioni di reais per qualcuno che è rimasto in carica per 8 anni. Non sono convinto. Tutta questa persecuzione contro Lula sembra essere un meccanismo per impedirgli di candidarsi alla presidenza, dal momento che tutti i sondaggi indicavano che avrebbe vinto le elezioni, anche dall’interno della prigione. Questo imposta la nostra attuale situazione politica, portandoci alle elezioni del 2018. Anche se il comitato per i diritti umani delle Nazioni Unite ha manifestato che Lula sarebbe dovuto essere in grado di candidarsi in queste elezioni 27, i tribunali brasiliani non hanno obbedito a questa decisione. Per minimizzare questo, Lula ha sostenuto Fernando Haddad (PT), chiedendo a tutti i suoi sostenitori di votare per lui. Haddad si è opposto a Bolsonaro in queste elezioni. Ha iniziato la campagna molto tardi a causa dell’incertezza della situazione di Lula, ma è riuscito a salire nei sondaggi molto velocemente. Rui Costa Pimenta, presidente del PCO (Partido da causa operária), un piccolo partito di sinistra e molto critico nei confronti del PT, sostiene che l’intero processo elettorale rappresenta un passo indietro nella lotta contro il colpo di stato del 2016. Ora, la maggior parte dell’energia dei partiti e degli attivisti di sinistra si è concentrato sulle elezioni, ma, ad esempio, Lula è ancora prigioniero politica. Inoltre, a supporto della tesi secondo cui il Brasile non è un paese democratico, il sistema giudiziario si è dimostrato completamente inaffidabile e non impegnato nella difesa delle istituzioni democratiche. Le elezioni non sono soluzioni magiche e anche se Haddad avesse vinto le elezioni ci sarebbero state molte distorsioni che devono essere ugualmente combattute indipendentemente dal risultato delle elezioni: una considerevole frazione della popolazione brasiliana ha votato per Bolsonaro, tra quelli, probabilmente una frazione importante è in realtà fascista. Lo stesso Bolsonaro usa come sua campagna il lemma “il Brasile al di sopra di tutto e Dio sopra tutto”.

Potremmo anche riconoscere che tutto il mondo sta vivendo un’onda conservatrice. Il Brasile non è un paese sviluppato, ma la sua importanza in America Latina è indiscutibile. Il Brasile non ha mai dimenticato il suo passato coloniale che resta molto chiaro per la società brasiliana. Il modo in cui una parte considerevole della nostra popolazione vede negli Stati Uniti un esempio. Lo stesso Bolsonaro (un presunto nazionalista e, per quanto importante, un militare) ha salutato la loro bandiera. Questo è uno dei segni di come funziona la nostra società e di come sono i nostri valori.

Questa ondata conservatrice ha già le sue vittime. Non ho potuto terminare senza menzionare l’omicidio di Marielle Franco 28 e come non è ancora stato risolto, anche se casi simili sono stati risolti più velocemente 29. Tutto ciò accresce i sospetti sul crimine, che sembrano essere eseguiti da “professionisti”. È importante sottolineare che questo crimine non ha nulla a che fare con Bolsonaro e non voglio creare questa confusione nel lettore. Ma è importante osservare come i sostenitori di Bolsonaro vedono questo crimine. Il candidato per il deputato di stato a Rio de Janeiro, Rodrigo Amorim (PSL), lo stesso partito di Bolsonaro, ha rotto una targa in onore di Marielle Franco, ripristinando quella vecchia con il maresciallo Floriano 30. Dovrei anche notare che Rodrigo Amorim ha detto che è a favore della punizione dell’omicida di Marielle, ma è solo contro la placca che onora il suo nome. Ovviamente, tutti questi movimenti di destra sono stati combattuti. Il movimento principale nella direzione opposta è “ele não” (non lui). Questa è stata un’enorme protesta nazionale contro le idee misogine di Bolsonaro 31.

Mentre scrivevo questo testo dovevo decidere quali sarebbero i fattori chiave che dovrei presentare e discutere. Quindi, basandomi su quello che credo sarebbe stato il mio lettore e su come potrei eventualmente contribuire, mi sono concentrato sui potenziamenti presentati. Vorrei sottolineare che molti eventi e parti della storia del Brasile sono stati trascurati. Tuttavia, spero che con questo testo sia stato in grado di mostrare condividere parte della nostra storia e dell’attuale situazione politica.
Spero che, basandomi su questo, il mio lettore sia in grado di avere una prospettiva diversa sulla situazione politica e sociale attuale del Brasile. Ancora meglio, come i nostri esperimenti politici potrebbero aiutare a modellare nuovi movimenti antifascisti. Ariano Suasuna, un personaggio unico, e un notevole scrittore brasiliano, una volta disse su come dovremmo essere: “né ottimista né pessimista, il migliore è un realista pieno di speranza”. Con questo in mente, è importante riconoscere che il nostro prossimo futuro non sarà brillante come vorremmo. Tuttavia, indipendentemente dai risultati elettorali, sarà fondamentale rafforzare i movimenti sociali.

 

Addendum della redazione

Un commento ulteriore sui fatti successivi l’elezione di Bolsonaro:
72 militari sono stati eletti e andranno a occupare le poltrone di Camera e Senato.
Questa è la prima volta dalla fine della dittatura militare brasiliana che così tanti militari vanno in posti di comando nella Repubblica.
La loro presenza nella politica brasiliana è stata fortemente voluta dall’attuale presidente Michel Temer, che nel febbraio scorso ha autorizzato l’intervento federale delle forze armate a Rio de Janeiro per combattere la criminalità organizzata. E se questo non bastasse, il 15 ottobre lo stesso Temer ha firmato un decreto in cui autorizza la creazione di una intelligence per affrontare la criminalità e il terrorismo con a capo le forze armate e l’Agenzia di intelligence brasiliana, l’Abin.
I militari hanno messo le mani anche sul sistema giudiziario. Dias Toffoli, presidente della Corte Suprema, ha nominato come assessore speciale un generale dell’esercito. Questa è la prima volta nella storia della Repubblica brasiliana che un rappresentante delle forze armate entra in un ufficio così importante della Corte Suprema. Toffoli definisce “movimento”, invece che “colpo di stato”, l’ascesa dei militari al potere del 1964.
Non deve quindi sorprendere che nei sobborghi di Rio de Janeiro l’Esercito sia sceso direttamente per le strade a festeggiare il risultato elettorale .32
In un’intervista rilasciata al sito brasiliano Nexo, Angela Alonso, presidente del Cebrap (Centro brasiliano per l’analisi e pianificazione) e professore di sociologia all’Università di San Paolo, ha affermato 33

«Avremo dei governatori militari, un militare alla Presidenza della Repubblica, molto probabilmente dei ministri militari, quindi, come queste persone, che sono abituate a gestire un sistema di gerarchia e comando, reagiranno alle regole del sistema democratico, che è un sistema che si basa sulla negoziazione, sulla concessione? È imprevedibile. Osservo con grande preoccupazione».

Ciò che attende il Brasile è senza dubbio dipinto a tinte fosche, ma va sottolineata ancora una volta la connivenza sempre presente – in Brasile come nel resto dell’occidente – tra moderati conservatori neolibersti e fazioni estreme fasciste, populiste e sovaniste. Le une sono e restano funzionali alle altre e il servizio fatto da Temer al suo successore ne è l’ultimo esempio.

Il Brasile ha un tessuto sociale unico al mondo, per composizione e dimensione, così come la sua storia. Ciò che l’ha colpito però resta peculaire solo nella forma in quanto stretto parente dell’ondata nera che ha pervaso l’intero occidente. Essendo una democrazia giovane avrà forse meno anticorpi per resistere ad una nuova giunta militare, o magari invece reagirà con più forza per non perdere gli avanzamenti acquisiti con i 12 anni di govverni petisti, potremo solo stare alla finestra a guardare. Ciò che invece ci riguarda direttamente è capire come combatere quest’ultimo espediente dell’1% più ricco del mondo messo in atto per non perdere la posizione conseguita in decenni di “duro lavoro”.
Abbiamo visto fin dove sono disposti ad arrivare.


Also published on Medium.

  1. https://brasil.elpais.com/brasil/2018/10/22/actualidad/1540162319_752998.html – in Portuguese
  2. https://noticias.uol.com.br/politica/eleicoes/2018/noticias/2018/10/24/fiscais-do-tre-rj-removem-bandeira-antifascista-em-faculdade-da-uff.htm – in Portuguese
  3. https://www.rt.com/news/442456 -Roger-acque-brasile-bolsonaro-protesta /
  4. “How Fascism Works”: Jason Stanley On Trump, Bolsonaro e l’ascesa del fascismo in tutto il mondo – https://www.youtube.com/watch?v=I1udxbLV_NY
  5. https://super.abril.com.br/mundo-estranho/onde-e-quando-surgiu-a-primeira-universidade-2/ – in Portuguese
  6. https://it.wikipedia.org/wiki/Universit%C3%A0_di_Bologna – in Italian
  7. https://en.wikipedia.org/wiki/List_of_colonial_universities_in_Hispanic_America
  8. https://en.wikipedia.org/wiki/Slavery
  9. https://en.wikipedia.org/wiki / Military_dictatorship_in_Brazil
  10. https://lula.com.br/mais-retrocessos-recursos-do-bolsa-familia-cortados- Pela-metade-para-2019/
  11. https://www.nexojornal.com.br/expresso/2017/07/23/Como-o-Brasil-saiu-do-Mapa-da-Fome .-E-por-que-ele-pode-voltar
  12. https://lula.com.br/confira-as-universidades-campus-e-institutos-ederais-criados-pelos-governos-do-pt/
  13. http://www.tse.jus.br/partidos/partidos-politicos/registrados-no-tse
  14. https://www.brasildefato.com.br/2016/09/02/dois-dias-apos-golpe-governo-temer-sanciona- lei-que-autoriza-pedaladas-fiscais 
  15. https://pt.wikipedia.org/wiki/Novo_Regime_Fiscal
    https://www.dw.com/pt-br/entenda-a-pec-do-teto-de-gastos-e-como-ela-afeta-a-economia/a-35988015
  16. https://www.youtube.com/watch?v=miz8dtkYSak
  17. https://politica.estadao.com.br/noticias/geral,psdb-de-aecio-neves-pede-auditoria-na-votacao,1585755
  18. https://www.revistaforum.com.br/tasso-jeraissati-diz-que-o-grande-erro-do-psdb-foi-entrar-no-governo-temer/
  19. https://politica.estadao.com.br/noticias/geral,bolsonaro-aprova-dois-projetos-em-26-anos-de-congresso,70001900653
  20. https://brasil.elpais.com/brasil/2018/10/22/actualidad/1540162319_752998.html – in Portuguese
  21. https://www.huffpostbrasil.com/2018/08/18/bolsonaro-afirmou-sim-que-nao-empregaria-mulher-com-mesmo-salario-de-homem_a_23504540/?guccounter=1&guce_referrer_us=aHR0cHM6Ly93d3cuZ29vZ2xlLmNvbS8&guce_referrer_cs=k4xDnfUmXNQqdnyejHMsuw
  22. https://www.cartacapital.com.br/politica/liberation-sobre-bolsonaro-racista-homofobico-misogino-e-pro-ditadura
  23. https://www.pragmatismopolitico.com.br/2018/04/ordem-de-prisao-contra-lula-lava-jato.html
  24. https://www.pragmatismopolitico.com.br/2018/05/ninguem-comprar- o-triplex-atribuido-a-lula.html
  25. https://www.pragmatismopolitico.com.br/2018/04/triplex-lula-ocupado-guaruja.html
  26. https://brasil.elpais.com/brasil/2017/09/05/politica/ 1504623466_872533.html
  27. https://www1.folha.uol.com.br/poder/2018/09/comite-da-onu-reafirma-decisao- sobre-candidatura-de-lula.shtml
  28. https://www.cartacapital.com.br/sociedade/vereadora-do-psol-marielle-franco-e-morta-a-tiros-no-rio
  29. https://brasil.elpais.com/brasil/2018/08/31/politica/1535714837_327437.html
  30. https://politica.estadao.com.br / blogs / fausto-Macedo / candidato-de-bolsonaro-que-quebrou-placa-de-marielle-e-eleito-Deputado-Estadual-no-rio /
  31. https://www.cartacapital.com.br/revista/1022/elenao-as-mulheres-na-linha-de-frente-da%20resistencia-a -bolsonaro
  32. https://www.youtube.com/watch?v=TwVmN-hbjaY
  33. https://www.nexojornal.com.br/entrevista/2018/10/29/%E2%80%98Conviv%C3%AAncia-entre-militares-e-liberais-desafia-novo-governo%E2%80%99
Guilherme Ferraz de Arruda
Studente magistrale in Fisica dei Sistemi complessi per le scienze sociali, che sembra una roba assurda e infatti lo è
Federico Dolce
35, M, Torino Laureato in Scienze Politiche, lavoro nell'Informatica da più di 15 anni. Mi occupo di mercato del lavoro, geografia politica, Europa. E computers.