Main menu
Tempo di lettura: < 1 minuto

Oltre cultura

C’è un culto dell’ignoranza negli Stati Uniti, e c’è sempre stato. Lo sforzo dell’anti-intellettualismo è stato una traccia costante che si è spinta nella nostra vita politica e culturale, alimentata dalla falsa nozione che la democrazia significhi che “la mia ignoranza è tanto giusta quanto la tua conoscenza
Isaac Asimov
Per molti aspetti, “Oltre cultura” rappresenta il cuore pulsante di Argo, la ambizione più impegnativa e profonda. Si tratta di un’impresa dalla doppia anima, che mira da un lato alla rivalutazione della nozione di cultura, e dall’altra alla ricerca e all’elaborazione di un nuovo modello culturale, che possa fornire e suggerire nuove risposte ad una società che sembra vivere ancora su paradigmi non più utilizzabili, e che anela nuove alternative.
  • “Oltre cultura” vuole quindi agire da un lato per rimettere la cultura all’interno del dibattito pubblico, finanche politico, interrompendo l’ormai logora abitudine di considerare la cultura elemento elitario e possibilmente disprezzabile, ma riscoprendone i suoi potenziali creativi e la sua forza di influire attivamente sulla società anche negli aspetti più pratici.
  • D’altra parte, “Oltre cultura” vuole fornire gli strumenti per meglio interpretare il mondo contemporaneo, attraverso lenti che distolgano dalla paura (terribile nemica di qualunque conoscenza), e che permettano di vedere con maggiore lucidità le dinamiche internazionali; in quest’ottica, parole come religione, immigrazione, integralismo, terrorismo, globalizzazione (solo per fare degli esempi) vanno spogliate degli strati di fraintendimenti e (possiamo dirlo) di ignoranza che si portano appresso, e passando per un’analisi dei fenomeni contemporanei si cercherà di coglierne gli aspetti più autentici e più significativi.
Questo è senza dubbi un difficile, anzi difficilissimo obiettivo. Comporta un incontro costante, una reciproca accoglienza tra realtà non sempre comunicanti; eppure è la sfida più avvincente che possiamo immaginare per dare il nostro contributo ad un nuovo modo di vedere (e vivere) il mondo